Il denaro inonda i paesi emergenti

Il denaro inonda i paesi emergenti

Quasi 10 miliardi di dollari sono confluiti nel debito dei paesi emergenti solo negli ultimi due mesi. Gli esperti dicono che è una significativa inversione di tendenza – una rete di 103.000.000.000 di dollari è fuggita dai titoli di debito dei mercati emergenti tra il 2013 e il 2015, secondo la società di ricerca di Bank of America, Merrill Lynch.

Il denaro sta cominciando ad essere investito in azioni dei mercati emergenti anche di recente, anche se non molto. Il momento è buono. L’indice dei mercati emergenti MSCI è in crescita del 5,5% quest’anno, ben al di sopra dei guadagni degli Stati Uniti e dei mercati europei.

I mercati azionari in Brasile, Argentina e Russia sono in crescita del 10% o più finora quest’anno. Anche i mercati di Messico e Sud Africa sono in crescita.

“Siamo in un buon momento per l’attività dei mercati emergenti”, dice Richard Turnill, Strategist Global Chief Investment per BlackRock .

L’interesse per gli investimenti nei mercati emergenti è alimentato da alcuni cambiamenti chiave, dicono gli esperti. In breve, molte turbolenze dello scorso anno sono diventati i punti di forza di quest’anno.